Pellegrinaggio annuale della Parrocchia di Massagno

(21) 2008 – Hergiswald

Dal santuario di Santa Croce nell’Entlebuch alla Santa Casa di Hergiswald

Pellegrinaggio numero 21

Siamo nel Canton Lucerna, nella regione che si estende ad Ovest della città. Si parte dall’Entlebuch, una dolce valle delle Prealpi dagli ampi e verdeggianti pascoli. Il primo giorno si sviluppa sulle alture di questa valle, per terminare a Wertenstein, dove il fiume Kleine Emme gira a novanta gradi prima di infilarsi verso il lago dei Quattro Cantoni. Il secondo giorno è terreno di Altopiano, termina però con una salita sui monti che dominano Lucerna e il suo lago.

Numero di visite :259

Primo giorno: Da Heiligkreuz a Wertenstein

(Km: 15. Dislivello: 200 m. Mezzi ausiliari: autobus)

Nel santuario di Heiligkreuz viene venerata una reliquia della santa Croce sulla quale morì Nostro Signore Gesù Cristo. La storia racconta di un religioso che qui trovò la reliquia nel 1344 (si trovava nascosta sotto un pino da più di mille anni). Subito venne edificata una cappella e la venerazione popolare fece sì che poco alla volta si costruirono anche la chiesa e l’ospizio per i pellegrini.

Nel settembre del 2001 la regione dell’Entlebuch è stata inserita dall’UNESCO nella lista delle riserve della biosfera. Si possono apprezzare estesi pascoli frammisti a qualche bosco. Grandi stalle danno riparo al fieno che qui certo non manca. Le fattorie sono disseminate lungo i dolci pendii, ogni tanto qualche paese interrompe lo scenario dei verdi declivi.

Il santuario di Werthenstein domina la valle della Piccola Emme dall’alto di una rocca, quasi un portale a marcare l’entrata e l’uscita dall’Entlebuch. Fu, fino al Settecento, un luogo di pellegrinaggio molto visitato, secondo solo ad Einsiedeln. Ora vi si trovano sale per associazioni, biblioteca, l’abitazione del parroco. Bello il chiostro, a pianta pentagonale, che racchiude l’entrata della chiesa e parte dell’edificio sacro

Numero di visite :189

Secondo giorno: da Neuenkirch a Hergiswald

(Km: 17. Dislivello: 400 m)

Nel 2004, pellegrinaggio n. 17, eravamo partiti da qui: Neuenkirch, Canton Lucerna. Nella chiesa di sant’Ulrico riposano le spoglie del Servo di Dio Niklaus Wolf. Nato nel 1756, fu un laico al servizio della Chiesa, agricoltore e uomo politico, proprio come Nicolao dell Flüe, santo patrono della Svizzera. Creò dei gruppi di preghiera e visse con il carisma di guaritore di corpi e di anime.

San Giudoco, nato in Bretagna nel VII secolo, fu pellegrino ed eremita. A lui (il cui nome in tedesco suona Jost) è dedicato il santuario di Blatten. Un luogo costruito già nel Trecento, ingrandito ed abbellito con il passare degli anni e con il crescere dei pellegrini. Nonostante le varie aggiunte, in particolare di cappelle, l’edificio colpisce per l’equilibrio dei volumi. All’interno c’è un ciclo pittorico con 27 quadri che illustrano la vita del santo.

Attraverso il “Prügelweg”, un cammino di espiazione in salita con oltre 700 scalini, si raggiunge il santuario di Hergiswald sopra Kriens, che racchiude una copia della santa Casa di Loreto. In questo sacro edificio colpiscono le stupende statue lignee, in particolare le seicentesche pale d’altare. ma ancor più impressionante è il soffitto: 324 tavole di legno dipinte con immagini simboliche mariane e commentate da una didascalia in latino. Un inno alla Madonna, ma anche un manifesto della grafica.

Numero di visite :185

Alcune impressioni…

Per ulteriori immagini, clicca qui

Numero di visite :184

Documenti

Scarica il percorso del pellegrinaggio qui

Numero di visite :173