Pellegrinaggio annuale della Parrocchia di Massagno

(13) 2000 – Varallo

Mottarone – Varallo (I). Verso il Sacro Monte

Le alpi tengono i piedi a mollo. Dopo i primi impetuosi chilometri, i fiumi che scendono dalla catena montuosa, nel raggiungere la pianura tendono ad adagiarsi, ad allargarsi, ad impigrirsi. E così l’Adda forma il lago di Como e il Ticino crea il Lago Maggiore. Ma le Prealpi sono puntellate da molti altri specchi d’acqua. Nel primo pellegrinaggio al Sud delle alpi, tutti in territorio d’Italia, ci muoveremo sull’acqua e andremo alla scoperta dei Sacri Monti, strade in salita rivolte verso il Cielo.

Numero di visite :160

PRIMO GIORNO: DAL SASSO BÀLLARO AD ORTA

(Km: 16. Dislivello: 300 m. Mezzi ausiliari: battello, funivia)

L’eremo di Santa Caterina al Sasso Bàllaro è una sfida alla natura. Come gli uomini abbiano potuto costruire chiesa e monastero nella roccia a picco sul lago, sa di miracolo. Lo scenario è incantevole: gli edifici sembrano incollati alla roccia da mano sapiente, armoniosa. Il lago disegna linee orizzontali, la roccia le riempie di verticalità. I rossi coppi del tetto sposano il grigio della roccia, le arcate disegnate nei portici sono un incantevole loggiato da cui guardare lo spettacolo del lago.

 

Lago che viene attraversato con un battello, partendo dal pontile dell’eremo di santa Caterina, affiancando le isole Borromee e attraccando a Stresa, da dove parte la funivia che sale sul Mottarone.

 

 

 

 

Il Mottarone è un grande motto, e per motto si pensi ad una montagna che svetta sola soletta e domina due laghi: il lungo Lago Maggiore e il ristretto Lago d’Orta o Cusio, vero specchio d’acqua in cui possono rimirarsi i monti circostanti. Dalla cima del Mottarone, a 1491 metri sul livello del mare, si dominano le Prealpi e si vede la meta da raggiungere alla fine della tappa: il Lago d’Orta.

 

 

E poi si scende giù, lungo i fianchi del Mottarone, per sentieri a volte aspri, a volte dolci,e il dislivello è molto più di 1000 metri, giacché Orta è a quota 295 metri, e le gambe fanno male. E poi su, si sale per il Sacro Monte dedicato a san Francesco, ancora 100 metri di dislivello lungo una dolce e boscosa collina per contemplare le statue e gli affreschi che nelle 20 cappelle che narrano la vita del poverello di Assisi.

Numero di visite :180

SECONDO GIORNO: DAL LAGO D’ORTA AL SACRO MONTE DI VARALLO

(Km: 16. Dislivello: 1000 m)

L’isola di San Giulio è un gioiello racchiuso in uno scrigno d’acqua. È terra di silenzio e di spiritualità. Te la trovi davanti, come meta agognata, ma per raggiungerla qualcuno deve traghettarti. Ti avvicini contemplandola, lasciandoti catturare dal fascino di questo mazzo di case che spunta dall’acqua. Nella basilica di san Giulio si può pregare davanti alle ossa del santo e ammirare uno splendido ambone romanico.

 

E per descrivere l’itinerario, prendiamo a prestito, una tantum, le parole di Samuel Butler, viaggiatore inglese dell’Ottocento, uomo dai facili entusiasmi romantici, ma dalla penna agile e feconda. “Ma torniamo a Varallo, o piuttosto al modo di raggiungerlo attraverso la Colma. Non c’è nulla in tutta l’Italia settentrionale più bello di questa passeggiata, con i suoi declivi simili a parchi coperti di castagni e di pascoli ondulati punteggiati da deliziosi fienili quali si possono trovare soltanto in Tiziano. Si potrebbe quasi credere che Händel l’avesse avuto in mente quando scrisse la sua aria divina: Verdi prati.”

 

La Madonna del Sasso è costruita in verticale sopra il paese di Arzo, e domina il lago d’Orta da uno spuntone roccioso. La costruzione è del periodo barocco.

 

 

 

 

A Varallo c’è la chiesa di santa Maria delle Grazie, tipica chiesa conventuale francescana. Come santa Maria degli Angeli a Lugano, sulla parete divisoria tra lo spazio dei frati e quello dei fedeli, porta un grandioso affresco di Gaudenzio Ferrari del 1513 che descrive in 20 riquadri vita e passione di Cristo.

 

 

Verso la fine del Medioevo, i pellegrinaggi in Terrasanta erano divenuti pericolosissimi, essendo la Palestina in mano ai Turchi. Per rendere possibile l’esperienza del pellegrinaggio nella Terra di Gesù, si ricrearono gli ambienti. Il Sacro Monte di Varallo è un’incredibile Cinecittà medievale, dove su una balconata rocciosa affacciata sulla città è stata ricostruita Gerusalemme e si può ripercorrere, attraverso 44 cappelle, il percorso che Nostro Signore fece per salire sul Monte Calvario.

Numero di visite :181