06 – Hauterive

Questa la possiamo fare anche a piedi, seguendo l’itinerario inverso del pellegrinaggio del 1989. Salita sul Col della Berra, discesa su La Roche e poi via verso Friburgo.

Sostando ad Hauterive ascoltiamo la parola di don Mauro Lepori, già abate di questo monastero e ora abate generale dell’ordine dei cistercensi. Nell’omelia del 25 dicembre 2019, proferita proprio ad Hauterive, ha parlato del cammino. “Il Vangelo non è un film di estetiche inquadrature a campo totale, ma un documentario che si sofferma su ogni incontro, su ogni parola, su ogni sguardo, su ogni gesto della mano con cui il Verbo di Dio «percorre» la nostra umanità, i nostri cammini di umanità, un passo dopo l’altro, un piede dopo l’altro. Questo è importante, perché tutto ciò che i passi di Gesù percorrono diventa cammino di Salvezza. Anche noi dobbiamo contemplare i passi del Salvatore nella nostra vita, ogni traccia della sua presenza sulla terra, a volte polverosa e sporca, delle nostre esistenze. Perché è l’unico modo per scoprire che il vero miracolo che opera in noi il Salvatore del mondo è quello di trasformare la nostra vita in cammino di salvezza, un cammino in cui il Vangelo si incarna e si annuncia. Allora scopriamo che la nostra vita, apparentemente o realmente monotona e insignificante, diventa in realtà un cammino che annuncia la pace, che porta la buona notizia, che annuncia la Salvezza.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code