(Km: 15. Dislivello: 100 m. Mezzi ausiliari: Funivia)

BregenzBregenz è una placida cittadina appoggiata sulle rive orientali del lago di Costanza. Un pezzo di Austria sulla strada che dalla Svizzera porta in Germania. Qui nel 610 san Colombano, partito dall’Irlanda per rievangelizzare l’Europa continentale, fondò un monastero. Siamo nei territori dove il cristianesimo mise solidi radici già nell’Alto medioevo. Si pensi all’abbazia di San Gallo o a quella di Reichenau, sull’omonima isola occidentale del lago di Costanza. A proposito… l’abbazia di Reichenau, decretata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, non è ancora stata meta dei nostri pellegrinaggi! Sarà per un prossimo futuro?

 

 

L’abbazia di Wettingen-Mehrerau segue la regola cistercense. Qui vennero a stabilirsi, nel 1854, i monaci dell’abbazia Maris Stella di Wettingen, scacciati dal loro monastero nel Canton Argovia. Da qui, nel 1939, partirono i monaci che tornarono in Svizzera per rifondare l’abbazia di Hauterive. L’abbazia irradia le sua presenza su tutto il territorio: ad essa appartengono un collegio con 300 studenti, un’accademia di calcio, un sanatorio, aziende agricole, una macelleria e un ristorante!

 

Da Bregenz un funivia ci porta sul monte Pfänder, un balcone sul Lago Bodanico. Da qui si contemplano le sue rive e i paesi che si specchiano nelle sue acque. Si può anche vedere lunga parte della valle del Reno e le acque del fiume che vanno a perdersi in quelle del lago.

 

 

 

 

 

Il pellegrinaggio termina in un’altra abbazia cistercense appartenente al ramo femminile dell’ordine: a Gwiggen, sulla pianura ai piedi del massiccio del Pfänder, sta la Stella del Mattino (Maria Stella). Il nome ricorda la flebile luce che veglia nelle notte, la stella che sta di guardia prima che le tenebre lascino il posto alla luce. È un monastero imponente, che pulsa di vita, ampliato ancora di recente per poter ospitare il crescente numero di novizie.

 561 visite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code