(Km: 17. Dislivello: 500 m)

A Castionetto, frazione di Chiuro, sta la chiesa di san Bartolomeo, anticamente monastero benedettino. Dal piccolo sagrato, accerchiato da vigneti, lo sguardo abbraccia la valle.

 

 

 

 

Dopo una dolce salita eccoci a Teglio, paese dal quale tutta la Valle prende il nome. Incontriamo subito un edificio sacro dal carattere particolare. Assieme stanno la chiesa di san Martino, con importanti affreschi nell’abside e nella navata, e l’oratorio di san Biagio, con le pitture del “Memento mori”. Il tutto affiancato da un notevole campanile romanico, con archetti ciechi e bifore.

 

 

 

Sempre a Teglio, ecco la collegiata di sant’Eufemia, al centro del paese, in un “recinto sacro” dove si trovano anche due oratori e l’ossario. I graffiti sulla facciata, i viottoli e la piazzetta sulla quale si affaccia, fanno pensare alle contrade dell’Engadina anche se l’aria che si respira ha un certo non so che di mediterraneo. La pianta interna è asimmetrica, anche per ricordare le incurvature di sofferenza del corpo di Gesù crocifisso.

 

Ancora Teglio. Qualcuno lo definisce il paese dei pizzoccheri, forse andrebbe descritto come il paese del sacro. La chiesa romanica di san Pietro, in paese, è un gioiellino. Si trova lì, in quel posto, con quelle forme, con quel vestito, da almeno 1000 anni.

 

 

 

 

Si scende su Villa di Tirano, bel paese del fondovalle, dove le case contadine sanno ancora di fumo e le case borghesi palesano il benessere originato dai prati del fondovalle e dalle vie di passaggio tra il Sud e il Nord.

 

 

 

Si sale allo xenodochio di santa Perpetua sopra Tirano. Un nome impegnativo per significare che qui venivano alloggiati gli ospiti (xenios), principalmente pellegrini che per attraversare le Alpi si inoltravano nella valle di Poschiavo. È un nido d’aquila che domina la piana sottostante, dove spicca il santuario di Tirano. La chiesa custodisce imperdibili affreschi del XII secolo.

 

 

Ed eccoci, per terminare, in un altro santuario dedicato alla Madonna. Questa volta non si celebra un episodio della sua vita, nella Palestina di 2000 anni fa, ma una sua apparizione. Il santuario-basilica dell’apparizione della Madonna a Tirano è un’opera imponente, carica di arte e di spiritualità. Bella la facciata che domina la piazza, vistose le decorazioni barocche all’interno, importante l’organo con più di 2000 canne. La cappella dell’apparizione mette in evidenza il lembo di terra su cui si posarono i piedi della Vergine, “Tesoro di virtù e sapienza, Signora di bontà immensa”, comparsa 500 anni fa ma che ancora oggi accompagna il cammino dei pellegrini.

 628 visite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code