(Km: 15. Dislivello: 200 m. Mezzi ausiliari: autobus)

Nel santuario di Heiligkreuz viene venerata una reliquia della santa Croce sulla quale morì Nostro Signore Gesù Cristo. La storia racconta di un religioso che qui trovò la reliquia nel 1344 (si trovava nascosta sotto un pino da più di mille anni). Subito venne edificata una cappella e la venerazione popolare fece sì che poco alla volta si costruirono anche la chiesa e l’ospizio per i pellegrini.

 

 

Nel settembre del 2001 la regione dell’Entlebuch è stata inserita dall’UNESCO nella lista delle riserve della biosfera. Si possono apprezzare estesi pascoli frammisti a qualche bosco e a porzioni di torbiere. Grandi stalle danno riparo al fieno che qui certo non manca. Le fattorie sono disseminate lungo i dolci pendii, ogni tanto qualche paese interrompe lo scenario dei verdi declivi.

 

 

Il santuario di Werthenstein domina la valle della Piccola Emme dall’alto di una rocca, quasi un portale a marcare l’entrata e l’uscita dall’Entlebuch. Fu, fino al Settecento, un luogo di pellegrinaggio molto visitato, secondo solo ad Einsiedeln. Ora vi si trovano delle sale per associazioni, una biblioteca e l’abitazione del parroco. Bello il chiostro, a pianta pentagonale, che racchiude l’entrata della chiesa e parte dell’edificio sacro.

 525 visite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code